visioni amplificate

Visioni Amplificate Copertina

MAGGIO 2016

prova aperta di the bench e mostra di fabio pennacchia organizzata per open house roma 2016.

CORTE mette in mostra la sua vocazione di spazio di condivisione culturale e contaminazione professionale trovando in Open House l’occasione per mettere alla prova un progetto in fieri: THE BENCh.

La mostra di Fabio Pennacchia “Visioni Amplificate”, a cura di Silvia Litardi, diventa cassa di risonanza per l’attività futura di THE BENCh, think tank di CORTE e ciclo d’incontri sulla città puntando i riflettori sulla suggestione principale: “un posto dove fermarsi un momento per farsi trovare dalle idee”. THE BENCh nasce a Corte e qui si dà vita ad una prova aperta, mostrando il work in progress dell’intero processo e delle sue articolazioni future. Il primo prototipo della panca, oggetto simbolico, è pensato e costruito riutilizzando i materiali che componevano l’installazione temporanea “Great Land”, progetto YAP MAXXI 2015 vinto da Corte, e qui installato per mettere in dialogo gli spazi interni con la piazza antistante. Tale dialogo trova nelle opere di Fabio Pennacchia dei dispositivi di visione con i quali tessere riverberi e proiezioni.

La mostra è visitabile dal 7 Maggio al 21 Giugno 2016, dal lunedì al venerdì, 10.00/19.00.

 

Fabio Pennacchia (Latina, 1983).  Al termine degli studi in Storia dell’Arte presso l’Università degli Studi Roma Tre (2005), inizia una collaborazione di cinque anni, in qualità di assistente, con l'artista Maurizio Mochetti. A seguito del corso di Arte Civica alla Facoltà di Architettura di Roma Tre tenuto da Francesco Careri e dell'esperienza degli Stalker, Fabio sviluppa una propria poetica della misura e della percezione che lo porteranno a intervenire negli spazi del Museo dell’Altro e dell’Altrove (MAAM) nel 2011. La sua prima personale presso la 2RC Gallery di Roma con l'opera “Piano di evacuazione” è del 2010. Partecipa alla IV Ed. della Bienal del Fin del Mundo (2014) dove presenta per la prima volta “Visioni Amplificate”. Dal 2011 collabora con la Glocal Project srl per il coordinamento di mostre itineranti. Fonda No-Made, a Roma, spazio che promuovere la condivisione di competenze professionali rivolte alla costruzione fisica delle idee attraverso l’ingegno e la pratica.


Un ringraziamento allo sponsor che ha reso possibile la riuscita dell'evento.



Foto di Agostino Loffredi


<
>