punti di vista

di Danilo Chiesa e Walter Larteri

Esprimere la percezione di Nuovi Mondi attraverso la reinterpretazione di un luogo reale non può prescindere dalla storia dello stesso.

Il collage realizzato, pur basandosi su caratteri eccentrici ed ironici, diventa una chiave d’accesso allo spirito compositivo che l'ha caratterizzato; si è voluto infatti analizzare un settore urbano in cui gli edifici non risultino isolati, ma si valorizzino grazie a un'opera di accostamento, tale da creare un sistema unico all’interno del difficile settore genovese in cui la morfologia urbana è chiaramente definita ed evidente.

L’area del centro storico è infatti caratterizzata da tre elementi che determineranno lo sviluppo del piano e la scelta di edifici prototipi ad essi legati: il cimitero di Staglieno con un sistema di edifici-mura, la verticalità del Cono di Portman con edifici-colle e il fiume Bisagno con edifici-riva.

La storia di Genova con il suo millenario percorso permette di affrontare anche il tema del rapporto con gli edifici storici: nel settore del centro storico vengono individuati il complesso dei forti, Via Garibaldi, il Teatro Carlo Felice, la chiesa di San Matteo, la cattedrale di San Lorenzo, l'edificio della Commenda dialogando con i nuovi progetti e, nella maggior parte dei casi, venendo inglobati da essi in cui edifici “superbi” si uniscono ai nuovi progetti volutamente più avveniristici, lasciando alle preesistenze il compito di rappresentare la storia.

Questo rapporto è portato a un voluto eccesso nel progetto con l'obiettivo di non considerare la storia come un elemento di solo studio, ma di farla partecipe del gioco della progettazione, un gioco in cui non esistono vincoli temporali o di stili, ma in cui tutti gli elementi entrano con la loro totale relatività rispetto al nuovo ordinamento in cui sono coinvolti. (M.Biraghi)

Una visione plurima ha permesso di concentrare l'attenzione in una istantanea di una città caratterizzata da fulcri, da icone che hanno dettato e che ancora oggi tracciano i limiti entro i quali una città come Genova deve rispettare.


Expressing the sense of Nuovi Mondi through the reinterpretation of a real place cannot be detached from the history of the place itself.

Although based on quirky and humorous features, the collage becomes an access key to the spirit that characterizes the entire composition. Indeed, we wanted to analyze an urban area where buildings are not isolated but valued thanks to the combinations among them. This creates a single system in the difficult area of Genoa in which the morphology is clearly defined and evident.

The historic downtown area of the city is characterized by three elements that will determine the development of the project and the choice of buildings prototypes associated with them: the cemetery of Staglieno with a wall-buildings system, the uprightness of the Cone of Portman with hill-buildings and the Bisagno river with riverbank-buildings.

The history of Genoa and its historic roads allow people also to deal with the issue of the relationship with the historic buildings: in the historic downtown, the system of Walls, Via Garibaldi, the Teatro Carlo Felice, the Church of San Matteo, the Cathedral of San Lorenzo, the Commenda building are identified. They dialogue with new projects and in most cases they are incorporated to them so that the impressive buildings join the new deliberately more futuristic projects, leaving to the pre-existing buildings the task of representing the history.

Inside the project, this relationship is brought to an excess done on purpose in order not to consider history as an element of mere study but to underline that it participates in the game of planning. A game where there are no time or styles restrictions, but where all elements together with their total relativity enter inside the new system in which they are involved. (M.Biraghi)  

A pluralistic vision has enabled our attention to focus on a city snapshot characterized by focal points and icons that impose and still trace the boundary that a city like Genoa must comply.


<
>